Come devo comportarmi con i miei animali domestici durante l’emergenza dovuta al Covid19?

 

In questo periodo molti di noi, proprietari di animali domestici, ci siamo trovati ad avere dubbi sul comportamento da tenere con i nostri piccoli amici. Abbiamo deciso di chiedere alla dottoressa veterinaria Gisella Smeraldi qualche domanda per sciogliere i nostri dubbi. Ecco le sue risposte:

 

coronavirus e animali

Gli animali possono essere contagiati dal Covid-19? Possono manifestare sintomi? Se sento il mio animale tossire spesso devo preoccuparmi?

 

Attualmente le indicazioni del Ministero della salute e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità riferiscono che la trasmissione di COVID-19 avviene esclusivamente da uomo a uomo e non ci sono prove che gli animali da compagnia possano trasmettere la malattia e di conseguenza essere contagiati dall’uomo. Se il vostro animale domestico dovesse manifestare tosse bisogna rivolgersi al veterinario che effettuerà una diagnosi differenziale tra una patologia di origine respiratoria o cardiaca comunque non imputabile a COVID-19.

 

Se vivo con un animale che ha pregresse patologie respiratorie o ha tendenze ad avere queste patologie (penso ad alcune razze di cani e gatti per esempio) e penso di essere stato in contatto con persone positive al tampone, devo stare particolarmente attenta alla salute del mio animale?

 

No, basta adottare le normali norme igieniche.

positivo coronavirus animale

 

incontrare cani coronavirus

 

Quando esco di casa con il mio cane, è opportuno farlo avvicinare agli altri cani? Se la famiglia dell’altro cane fosse positiva, il virus può passare da cane a cane e, di conseguenza, dal mio cane a me?

 

Le misure imposte dal Ministero della salute impongono una distanza tra le persone di almeno un metro, quindi, nel rispetto delle regole, durante la passeggiata con il nostro cane (massimo 200 metri dalla nostra abitazione) non facciamolo avvicinare ad altri soggetti: non per evitare la trasmissione del virus che, come già detto è impossibile, ma per consentire ai proprietari di mantenere la distanza corretta che viene imposta dal periodo che stiamo attraversando

 

Dato che il mio cane fa meno moto, devo diminuire la sua porzione di cibo? Altrimenti come posso fare per evitare che ingrassi troppo?

 

Passeggiate brevi implicano minor consumo di calorie quindi è consigliabile ridurre la porzione di cibo o ricorrere ad alimenti light. E’ comunque corretto stimolare i nostri animali al movimento con giochi che si possono fare in casa.

cane ingrassa coronavirus

 

gatto esce durante coronavirus

Se ho un gatto che è abituato ad uscire di casa da solo, è opportuno tenerlo in casa in questo periodo? Può uscire durante il Coronavirus? Se esce, devo lavarlo? Se sì, come?

 

Se il nostro gatto è abituato ad uscire, in questo periodo non deve subire limitazioni. Al suo rientro gli puliremo le zampe con le salviette umidificate apposite per animali oppure con una spugnetta con acqua e sapone neutro o di Marsiglia.

 

Posso stare a stretto contatto con il mio animale senza problemi? Posso baciarlo e prenderlo in braccio?

 

Assolutamente sì, non c’è necessità di modificare il rapporto affettivo con il nostro animale, sempre nel rispetto delle norme igieniche fondamentali che si dovrebbero tenere anche in un periodo no COVID.

baciare il gatto coronavirus

 

cane e gatto annoiato coronavirus

Come posso fare per far vivere serenamente il mio animale in questo periodo? Ho notato che sembra agitato e confuso, come posso aiutarlo?

 

Cani e gatti in questo periodo sono sicuramente più felici perché non devono affrontare lunghe ore di solitudine come nella vita “normale”. Dobbiamo comunque tenere presente che sono molto abitudinari e la loro giornata è scandita da tempistiche precise quindi sarebbe opportuno mantenere gli orari a cui sono abituati per i pasti e le brevi passeggiate in modo da non sconvolgere il loro orologio biologico: questo faciliterà anche il ritorno alla vita di tutti i giorni. Le coccole elargite a profusione sono la migliore terapia rassicurante …sempre!

 

Recentemente si è diffusa la notizia che si debbano lavare le zampe dei cani con candeggina: è vero? Bisogna davvero lavare le zampe con la candeggina? Altrimenti, come vanno pulite le zampe del cane in questo momento storico? Devo usare un sapone specifico o posso usare anche il sapone per umani?

 

Questa è una notizia falsa e dannosa!! Bisogna assolutamente evitare di lavare le zampe dei nostri animali con candeggina! La candeggina è tossica e corrosiva sulla cute e sui polpastrelli: infatti provoca gravi lesioni di tipo infiammatorio; inoltre se l’animale si lecca è estremamente tossica. Al rientro dalla passeggiata è opportuno lavare le zampe del nostro cane con acqua tiepida e sapone neutro o di Marsiglia o un apposito shampoo per cani asciugando poi con un panno morbido. In generale, non usate concentrazioni elevate di candeggina per pulire i pavimenti di casa in presenza di un animale domestico (2 cucchiai per litro d’acqua è la concentrazione consigliata) e poi arieggiate l’ambiente

lavare zampe con candeggina

 

lavorare durante coronavirus

Devo attivare delle cure particolari nei confronti del mio animale? Se sono tra le persone che ancora escono di casa quotidianamente per motivi lavorativi o altro, devo tenere comportamenti particolari?

 

In questo caso seguite sempre le stesse regole di igiene dettate dall’emergenza del momento, anche nel caso viviate in un’area particolarmente colpita dal virus.

 

Dal punto di vista affettivo, dato che in questo momento passiamo tanto tempo insieme, come è opportuno comportarsi con i miei animali nell’ottica del ritorno alla normalità?

 

Ci dovremo comportare come quando erano cuccioli, abituandoli ad un distacco graduale.

cuccioli

 

quarantena coronavirus animali

Se sono in isolamento dovuto a un tampone positivo e non ho un giardino, quindi il mio cane non può uscire per espletare i suoi bisogni, posso temporaneamente affidare il mio cane a qualcuno esterno alla mia unità abitativa? E se sono ricoverato in ospedale e il mio animale è solo a casa, posso affidarlo a qualcuno momentaneamente? Esistono associazioni affidabili che si occupano di questo servizio?

 

In caso di quarantena per dichiarata positività al virus, sarebbe opportuno affidare il proprio cane ad una persona fidata soprattutto un cane di media grossa taglia. I cani di piccola taglia spesso sono già abituati ad utilizzare i tappetini igienici per le deiezioni quindi potrebbero anche restare nell’ambiente domestico, così come i gatti che utilizzano le cassette apposite. In casi estremi si può ricorrere alle pensioni per cani e gatti oppure ci si può rivolgere all’ENPA

 

Se ho bisogno di fare visitare il mio animale da un veterinario, come posso fare? E’ possibile solo per urgenze o anche per visite e vaccini di routine?

 

Gli ambulatori veterinari sono aperti rispettando le misure di sicurezza imposte dal ministero della sanità e con modalità a discrezione del direttore sanitario della struttura, mentre i pronto soccorsi veterinari sono sempre aperti per i casi urgenti. In caso di necessità è conveniente contattare telefonicamente il proprio veterinario che darà istruzioni su come procedere.

veterinario aperto coronavirus

 

foto di campagna

Ci sono comportamenti diversi da attuare per chi abita in città o in campagna?

 

No, le normative sono identiche.

 

Dato che il mio cane esce di casa solo per una passeggiata veloce, devo iniziare a mettergli l’antiparassitario lo stesso?

 

Certo che sì. I trattamenti antiparassitari non hanno nessuna relazione con l’emergenza attuale e vanno messi anche se il soggetto rimane in casa, infatti possiamo veicolare le uova di pulce anche noi umani rientrando da fuori e le zanzare sono presenti ormai quasi tutto l’anno.

antiparassitario coronavirus

 

animali coronavirus

Hai qualche consiglio ulteriore da dare a chi ha un animale? Anche pensando ad animali domestici piccoli, come conigli, criceti, pesci, uccelli?

 

Il consiglio che mi sento di dare è quello di non farsi influenzare da notizie false e in caso di dubbio prima di decisioni errate, consultate il medico veterinario. Per quanto riguarda i piccoli animali domestici posso dire che essendo abituati a vivere in cattività risentono della situazione in maniera positiva perché la presenza del proprietario è costante e quindi ricevono più attenzioni, anche rallegrando così queste giornate di “prigionia” degli umani. #iorestoacasa

 
 

 

 

La sala del Cane di Paro Viviana

Negozio di animali specializzato,
attivo da oltre 60 anni in centro a Milano a conduzione familiare.

Ci trovate in via Niccolini 2 (zona Sarpi - Sempione - Canonica - Arena). Siamo facilmente raggiungibili a piedi dall'Arco della Pace, dalla zona di Moscova - Corso Como - corso Garibaldi


Contattateci via Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.o telefonandoci

Free Joomla! templates by AgeThemes